Stampa questa pagina

Lerici, graffiti all'Orto di Fradi In evidenza

di Doris Fresco- Il luogo simbolo di Lerici era già da tempo attenzionato dalla cittadinanza che ne chiedeva a gran voce un restauro.

Venerdì, 26 Aprile 2019 16:32

L'Orto di Fradi a Lerici si è svegliato, ieri mattina 25 aprile, con una novità: un murale che, per dimensioni e colori, non è di certo passato inosservato dalla cittadinanza.
Soprattutto sui social si è subito accesa una discussione, incentrata in primo luogo nel far notare come quel muro, che costeggia un luogo così prezioso e antico, non fosse la scelta più adatta. Molti hanno parlato di 'luoghi autorizzati', come nel caso del muro del Palezzetto dello Sport messo a disposizione di giovani artisti da parte dell'amministrazione, che aveva lavorato ad un progetto artistico ad hoc o, caso ancora più famoso, il muro oltre la galleria Primacina. In realtà l'illegalità è un aspetto da non sottovalutare nella cultura writer e scegliere solo pareti e spazi autorizzati è una scelta dell'artista, dunque aver preso di mira il muro dell'Orto di Fradi potrebbe essere stato un gesto pensato, una provocazione, ma non un semplice atto vandalico, anche se è una regola implicita, legata al buon senso, il non scegliere monumenti o centri storici. Lo stesso rispetto di questa regola però è uno degli aspetti centrali: l'artista in molti casi accetta le conseguenze, non cerca scuse, ma prende di mira con cognizione luoghi che a nessun altro verrebbe in mente di toccare. Ovviamente resta il danno e la consapevolezza che, con altrettanta probabilità, chi ha imbrattato il muro della scalinata è un ragazzo più 'vandalo' che artista. 

Il murale però riapre anche una questione sollevata negli anni e della quale la Società Marittima di Mutuo Soccorso si è fatta portavoce: "Abbiamo chiesto e torniamo a chiedere- spiega Bernardo Ratti- un'attenzione in più per questo luogo. Già in passato si era cercato di spronare l'amministrazione per un restauro. Si tratta di monumento importante per Lerici. Infatti il ciottolato è del '600 mentre le panchine sono ottocentesche e secondo noi- tralasciando la questione murales- servirebbe un attento lavoro di valorizzazione".

Come vi avevamo raccontato in questo articolo, si tratta di un luogo che i lericini amano forse più di ogni altro: ombreggiato e fresco d'estate, anche nelle ore più calde, impregnato di pace, punto di passaggio per raggiungere il municipio, gli uffici comunali e gli ambulatori Asl. 

"Chiediamo che l'Orto dei Frati venga recuperato in maniera consona rispettando la disposizione originaria, ripristinando il 'Risseo' con le pietre mancanti e con la ripiantumazione di due platani in sostituzione degli attuali tronchi e ceppaia". 

Nel frattempo è in corso un'indagine per far luce sulla questione dei writers, in azione nell'ultimo periodo anche in altre zone di Lerici e delle frazioni. 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

di Massimo Guerra - Serie A targata Covid-19. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Le cose principali che servono alla riuscita del tuo evento musicale, naturalmente, sono un intrattenimento emozionante che offra divertimento e una forte partecipazione del pubblico, che deve essere quanto più… Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa