A Framura un classico del teatro contemporaneo: "Reality" di Deflorian e Tagliarini In evidenza

Il 30 agosto alle 21.30 nella Piazza della Chiesa. Ingresso libero.

Martedì, 27 Agosto 2019 08:59

La VII edizione del festival "Nuove Terre. Le Arti della Scena" si chiude venerdì 30 agosto a Framura, con l'atteso ritorno in Liguria del rivoluzionario "Reality" di Daria Deflorian e Antonio Tagliarini.

Un autentico 'classico' del teatro contemporaneo italiano, in cui lo storico duo romano porta in scena il quotidiano troppo pieno di cose e memorie di una donna polacca che per oltre cinquant'anni ha annotato minuziosamente tutti 'i dati' della sua vita.

Al centro dello spettacolo, attraversato da uno sconcertante ma irresistibile umorismo, un tema che ha animato tutta la coraggiosa rassegna organizzata e diretta da Marco Pasquinucci per Officine Papage: il problema di come possiamo, nel nostro confuso presente, raccontare la realtà e il rapporto che abbiamo con essa.

Venerdì 30 agosto ore 21.30 / Piazza della Chiesa - località Costa Framura - Ingresso Libero
REALITY
Deflorian/Tagliarini
A partire dal reportage di Mariusz Szczygieł Reality - traduzione di Marzena Borejczuk, Nottetempo 2011
Ideazione e performance Daria Deflorian e Antonio Tagliarini
Disegno luci Gianni Staropoli
Consulenza per la lingua polacca Stefano Deflorian, Marzena Borejczuk e Agnieszka Kurzeya
Collaborazione al progetto Marzena Borejczuk. Organizzazione Anna Damiani
Premio Ubu 2012 Daria Deflorian - Migliore attrice protagonista

Realtà, reality senza show, senza pubblico. Essere anonimi e unici. Speciali e banali. Avere il quotidiano come orizzonte. Come Janina Turek, donna polacca che per oltre cinquant'anni ha compilato con precisione maniacale il suo diario quotidiano: quante telefonate a casa aveva ricevuto e chi aveva chiamato (38.196); dove e chi aveva incontrato per caso e salutato con un "buongiorno" (23.397); quanti appuntamenti aveva fissato (1.922); quanti regali aveva fatto, a chi e di che genere (5.817); quante volte aveva giocato a domino (19); quante volte era andata a teatro (110); quanti programmi televisivi aveva visto (70.042). 748 quaderni trovati alla sua morte nel 2000 dalla figlia ignara ed esterrefatta.

Quello che mette uno strano brivido addosso nello scorrere la vita nei dettagli di questa anonima casalinga, è che non è un'opera artistica, non è un esercizio intellettuale.

Per sua scelta personale, aveva cominciato intuitivamente a nobilitare il proprio trantran quotidiano. Perché? Lo scopriamo insieme a Deflorian/Tagliarini, sospesi in una storia straordinaria.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Un riconoscimento simbolico per il lavoro svolto durante l'emergenza. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
di Giacomo Cavanna - Il borgo subirà diversi interventi volti ad un miglioramento generale sotto gli aspetti abitativi e urbanistici. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa