massardo kassamatis massardo kassamatis
TOTI SANSA MASSARDO SALVATORE CASSIMATIS
CHIAPPORI CARPI  VISIGALLI BENETTI RUSSO
383.053
265.506 16.546 6.088 1.244 3.569 576 1.129 3.165 1.614
 56.13%   38.90% 
  2.42% 0.89%
  0.18% 0.52%  0.08%  0.17%  0.46%  0.24% 

REGIONALI 2020

AGGIORNAMENTO IN TEMPO REALE 

"I colori di Gea": inaugurata al Museo Podenzana la mostra di Maria Capellini In evidenza

La mostra si protrarrà fino al 29 settembre con gli orari di apertura del Museo.

Lunedì, 01 Luglio 2019 20:24

Si è svolta venerdì 28 giugno, alla presenza delle autorità dei Comuni della Spezia, di Riomaggiore e di Vernazza, e con grande partecipazione di pubblico, l’inaugurazione della mostra “I Colori di Gea” di Maria Capellini presso il Museo Etnografico G. Podenzana della Spezia.
La mostra è stata aperta dall’intervento del Sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini, seguito da quello di Francesco Villa Sindaco di Vernazza ed è stata introdotta da Marzia Ratti, Direttrice dell’istituzione per i Servizi Culturali del Comune della Spezia e da Enrico Formica.

L’evento, curato da Paolicchi Conservatore responsabile del Museo Civico Etnografico della Spezia, dal prof. Enrico Formica e dall’artista stessa, celebra insieme la bellezza e la fragilità della Natura metaforicamente rappresentata da un grosso soffione realizzato in ferro e acciaio che apre l’esposizione.
Seguono sculture e tavole realizzate con materiali di recupero che evidenziano in modo poetico la dissolutezza dei disboscamenti, la minaccia degli eventi estremi dovuti ai cambiamenti climatici e la necessità della salvaguardia della biodiversità.

Due erbari d’artista raccolgono delicati acquerelli che sono testimoni della ricchezza dei doni che ci possono venire dalla flora spontanea nel loro utilizzo in erboristeria, in cucina e nella tintura dei tessuti e si completano con una grande installazione di stoffe tinte con tinture vegetali.
C’è poi un video realizzato nell’oliveto dell’artista alle 5 Terre, che ci mostra l’attaccamento dell’artista alla sua Terra e come l’Arte possa essere rispettosa della Natura integrandosi armonicamente in essa senza alterarne gli equilibri.

Il tutto si svolge sotto lo sguardo impassibile di Sizigia, specie di Dea Madre realizzata con materiali portati dal mare e raccolti sulla spiaggia che riunisce in sé il sole e la Luna, il principio del maschile e del femminile e sembra saperla lunga sullo scorrere del tempo e le vicissitudini umane.
La mostra si protrarrà fino al 29 settembre con gli orari di apertura del Museo.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Il consigliere comunale del Pd ha fatto un accesso agli atti. La risposta del Comune: "Numeri in mano all'Asl". Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Multa di 800 euro per il titolare e attività chiusa per cinque giorni. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa