Cambia il rapporto con i medici di famiglia: ecco le aggregazioni territoriali In evidenza

Svolta nella medicina generale anche nella provincia della Spezia: progetti in sinergia con l’Asl e informazioni condivise in rete.

Giovedì, 09 Gennaio 2020 16:22

Dalla medicina di attesa, con il paziente che aspetta diligentemente il suo turno in coda nello studio, a quella di iniziativa, in cui i medici si attivano in prima persona per rispondere ai bisogni dei soggetti a rischio.

È questa la logica alla base della “rivoluzione” che sta ridisegnando l’organizzazione dei medici di famiglia sul nostro territorio. Un nuovo modo di pensare la medicina generale, adottato dalla Regione Liguria tra i primi casi in Italia, che riguarderà tutti i 163 medici di famiglia dei tre distretti dell’Asl5.

In questo cambiamento, per certi versi storico e ancora in atto, si innestano tre progetti curati dall’azienda sanitaria e dai medici di medicina generale, presentati oggi dal direttore socio-sanitario Maria Alessandra Massei, dal direttore sanitario Maria Antonietta Banchero, dal direttore del dipartimento cure primarie Marco Santilli, dal direttore di urologia Enrico Conti, dal medico Francesco Pardini e da Alessio Romeo, segretario provinciale della Fimmg (Federazione italiana medici di famiglia).

La chiave per comprendere il nuovo assetto organizzativo è da individuare nelle aggregazioni funzionali territoriali, un’ulteriore evoluzione della cosiddetta medicina di gruppo che, una volta a regime, raggrupperà intere “fette” della popolazione e permetterà di condividere, tra i medici di famiglia aderenti, tutte le informazioni riguardanti i singoli pazienti, mettendo in campo una rete per rispondere ai bisogni della popolazione.

Resta ancora da superare lo scoglio della privacy, per la condivisione delle informazioni personali sulla rete informatica: per questo ogni paziente potrà firmare un’apposita liberatoria.

“Dal curare al prendersi cura della persona e del suo nucleo familiare”, così la direttrice socio-sanitaria Massei sintetizza la svolta nella relazione tra pazienti e medici di famiglia, in cui si inseriscono i tre progetti presentati oggi, finanziati con fondi del governo clinico della medicina generale, per l’attività fisica adattata (budget di 50 mila euro), la prevenzione urologica per adolescenti e giovani adulti (50 mila euro) e il monitoraggio delle persone “fragili” della provincia con età maggiore di 75 anni, di disabili e "invisibili" al sistema sanitario (300 mila euro).

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Con un distacco di circa 15 punti percentuali su Sansa. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Sette atleti della Canottieri Velocior 1883 in gara Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa