Elena Restaino regina del lago d’Orta In evidenza

L’atleta Lerici Nuoto Master è prima assoluta, in un’avventura lunga 27 km.

Lunedì, 31 Luglio 2017 16:46


“Dopo una lunga pausa di circa 20 anni lontana dal nuoto, sono riuscita in quest’impresa”: inizia così, Elena, a raccontare la sua avventura, che l’ha vista trionfare, sabato 22 luglio, nelle acque del lago d’Orta.
“Grazie a mio fratello Luigi sono tornata in acqua, riscoprendo questa mia grande passione per il nuoto. Devo a lui, che ha subito creduto in me, la mia vittoria, anche perché è stato lui a parlarmi di questa gara e della gara sulla distanza di 14 km, che si è svolta il mese scorso sempre sul lago d’Orta”.
Nella gara di giugno, Elena ha vinto una medaglia d’oro per essere arrivata prima nella sua categoria, ha poi deciso di sfidare sé stessa e le acque di quel lago una seconda volta, nella gara da 27 km, lunga ed impegnativa, superando ogni limite.

LA SFIDA

“Sono uscita dall’acqua per prima, finendo il percorso in 7 ore, arrivando prima assolta tra le donne e tra gli uomini. Dopo di me un atleta, che ho distaccato di circa 19 minuti”.
Indispensabile, in una maratona come questa, è il supporto tecnico e psicologico di un team che segue l’atleta, dall’allenatore, che per mesi elabora un piano di allenamenti, al canoista, che vigila e accompagna l’atleta durante la gara. Per Elena queste due figure fondamentali sono Sergio Chisci e Amedeo Maddaluno: “Sergio, il mio canoista, è un grande professionista, ma soprattutto un grande amico, conosciuto tramite la squadra di triathlon Tri Team Spezia TTS di cui facciamo parte io, mio fratello e Sergio. Una gara come questa è difficile ovviamente da un punto di vista fisico, ma anche sotto l’aspetto psicologico. Dopo 23 km ho vissuto un momento difficile, anche se il peggio era ormai passato e la gara quasi finita, non ne potevo più, volevo solo uscire dall’acqua, mi sentivo molto male. Sergio mi ha ridato lucidità e coraggio, mi ha convinta ad arrivare in fondo, vincendo la sfida contro me stessa, che in quel momento voleva solo ritirarsi”.

Ovviamente Elena conclude il suo racconto parlando della sua squadra e dell’allenatore Amedeo: “Un ringraziamento particolare va a lui, che conosco da tanti anni, perché mi allenava quando ero piccola, all’età di dieci anni. Oggi, dopo 23 anni, ho riscoperto un validissimo allenatore e una persona speciale, che fa parte di una bellissima squadra, il Lerici Nuoto Master”.
La squadra di Elena si sta impegnando, quest’estate, su vari fronti e ad ogni gara riescono ad ottenere successi meritati, come le medaglie vinte al Trittico Santerenzino nel fine settimana appena concluso.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Il materiale arriva dalla Cina ed era destinato al Sud America. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
A nulla sono servite le svariate sanzioni delle scorse settimane. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa